Caritas Parrocchiale
Lo Statuto

NATURA DELLA CARITAS PARROCCHIALE

Art. - 1 E' istituita nella Parrocchia di Cerro al Lambro la Caritas Parrocchiale, quale espressione e articolazione della Caritas diocesana, a livello territoriale, per la promozione del precetto evangelico della carità.

FINALITA'

Art. - 2 Le finalità della Caritas parrocchiale sono:
a)  Sensibilizzare la parrocchia nel suo insieme, le famiglie, la scuola, il mondo del lavoro, i gruppi, al dovere della carità e della giustizia, così che l'intera comunità cristiana si caratterizzi come comunità di amore.
b) Ricercare le forme di povertà e di bisogno presenti sul territorio e stimolare la parrocchia a prendere coscienza della loro esistenza e della loro causa e farsene carico sia con risposte dirette, sia stimolando la società civile attraverso adeguati servizi sociali.
c) Promuovere la nascita e la formazione di volontari singoli e di gruppi di volontariato, soprattutto in rapporto ai bisogni più scoperti e alle maggiori forme di povertà e di emarginazione e promuovere la formazione spirituale degli operatori impegnati professionalmente nei servizi sociali.
d) Coordinare i gruppi, le associazioni, le iniziative operanti nel campo della carità, dell'assistenza, della promozione umana, così che essi si presentino pur nella loro legittima società come espressione dell'unica Chiesa.
e) Sensibilizzare la parrocchia ai problemi del Terzo Mondo, proponendo iniziative comunitarie di solidarietà, soprattutto verso i paesi più poveri.
f) Sensibilizzare la parrocchia ai problemi della pace.

STRUTTURA
Art. - 3 La Caritas parrocchiale è l'espressione ufficiale della pastorale della carità della parrocchia. Perciò la sua struttura, dovendo riflettere l'impegno pastorale della Chiesa, risulta così articolata:
Un gruppo di laici sensibili ai problemi della carità, aperti e impegnati personalmente in servizi di carità, costituiscono assieme al sacerdote e ad una religiosa la Caritas parrocchiale. Essa ha un responsabile che è membro di diritto del Consiglio Pastorale. La Caritas parrocchiale presenta al Consiglio Pastorale tutti i problemi in parrocchia o anche esterni (es. Terzo Mondo) e ipotesi di intervento; sollecita al Consiglio Pastorale linee pastorali di orientamento; attua nel suo lavoro quanto è stato pastoralmente deciso. Qualora in parrocchia esistessero dei gruppi di volontariato o altre iniziative di carità, questi devono essere rappresentati dalla Caritas parrocchiale.

COLLEGAMENTI PASTORALI
Art. - 4 La Caritas di muove in stretto collegamento con il gruppo dei catechisti e con gli animatori della liturgia, così da consentire che il cammino di formazione catechistico e di vita liturgica siano momenti di crescita nel senso della carità.
Il collegamento più naturale e continuativo può essere il sacerdote (parroco o coadiutore) che è presente sia tra i catechisti, sia nella Caritas. Il punto d'incontro più importante è il Consiglio Pastorale.

DURATA DEGLI INCARICHI
Art. - 5 La Caritas parrocchiale ha un responsabile che dura in carica tre anni ed è rinnovabile nell'incarico. La Caritas parrocchiale viene rinnovata alla scadenza del Consiglio Pastorale e ha la stessa durata.

FONDO DI SOLIDARIETA'
Art. - 6 La Caritas parrocchiale gestisce un piccolo fondo di solidarietà, destinato agli interventi di emergenza. L'uso del denaro viene deciso dalla Caritas nel suo insieme. Il fondo viene alimentato da una colletta annuale, da autotassazioni volontarie, da offerte libere.
La Caritas rende pubblico ogni anno il bilancio.

SEDE
Art. - 7 La Caritas parrocchiale ha sede negli ambienti della comunità parrocchiale.
Il punto di riferimento è in Piazza Roma 2 - tel. 029834568.